INGENIO » Elenco News » Il falso mito che non ci siano librerie di oggetti BIM per AECOsim
Il falso mito che non ci siano librerie di oggetti BIM per AECOsim
del 03/04/2017

Ultimamente, diverse persone e in diverse conversazioni affermano che sia molto difficile trovare oggetti di produttori per AECOsim. Quando si effettua la ricerca di file sui siti di download, effettivamente non si rileva quasi nessuno nel formato nativo AECOsim.
Anche alcuni articoli, confrontadno diversi software di progettazione BIM, affermano che, tra tutti questi software, AECOsim è quello che ha meno oggetti disponibili.

Si tratta di una percezione che, seppure comune, è errata. E 'vero che presso i produttori ci sono pochi oggetti resi disponibili nei formati di file nativo parametrico di AECOsim in Paz e BXC che in altri formati come RFA e RVT. Ciò che pero’ non è risaputo è che AECOsim non ha bisogno di oggetti creati esclusivamente in uno specifico formato, per essere usato come parte di un modello BIM. AECOsim può leggere la geometria in molti formati di file e di essere in grado di aggiungere metadati a quella geometria. Andando più in dettaglio si può comprendere come gli oggetti forniti da parte dei produttori, a differenza di quelli generici, non hanno bisogno di essere completamente parametrici, in quanto dipendono dalla disponibilità di un catalogo. Ad esempio, un tavolo o una sedia non richiedono necessariamente che valori come l’altezza o la misura della seduta sia un valore aperto e variabile, dal momento che il produttore mette sul mercato un numero limitato di combinazioni. Ciò di cui abbiamo bisogno è che la geometria che rappresenta questi oggetti sia accompagnata da tutte le informazioni necessarie per un corretto utilizzo di essi.
Questo ci dà la possibilità di utilizzare gli oggetti con molta più flessibilità, dal momento che non abbiamo vincoli che li obblighino ad essere in un certo formato.
Come ho detto prima, AECOsim in grado di leggere la geometria in molti formati, e questo include file CAD (DGN, DWG, DXF), SKP (SketchUp), OBJ (Rhino), 3DS, file IFC, RFA (Famiglie di Revit). Questi tipi di file possono essere letti come file di riferimento completo o posti come celle. Questa è stata una pratica comune per gli utenti di Bentley per diversi anni.
Se la geometria che abbiamo bisogno è disponibile in uno dei formati CAD menzionati e non ha metadati, saremo in grado di aumentare la geometria dell'elemento aggiungendo le proprietà dei metadati con AECOsim. L'oggetto può non avere geometria parametrica (dal momento che abbiamo visto che questo non è sempre necessario), ma, per contro, avrà tutte le informazioni necessarie per essere parte del progetto BIM.
Se la geometria dell'oggetto è in un formato parametrico (come i file RFA di Revit), di nuovo può essere utilizzato, in quanto AECOsim può importare questi file, indipendentemente dalla versione di Revit in cui sono stati creati, e creare elementi di catalogo con tutte le informazioni attribuite, in modo che possano essere utilizzati e riportati in modo simile a tutti gli altri tipi di file. Nella maggior parte dei casi anche le parti parametriche della famiglia possono essere impiegate nel progetto. E 'quindi ragionevole dire che siamo quasi alla pari con Revit in questo senso.

In sintesi, se AECOsim è in grado di leggere gli oggetti del produttore in tutti i formati di cui sopra, e farne uso sia nei modelli BIM e sia come parte dei flussi di lavoro BIM, non è forse più corretto dire che il software AECOSIM ha una quantità pari, se non maggiore, di oggetti a disposizione? Pertanto, se analizziamo il numero di oggetti che si possono trovare in quei formati, potremmo sostenere a ragione che è molto raro trovare un oggetto tra tutti quelli prodotti, che non possa essere utilizzato con AECOsim!

per maggiori informazioni vai al sito di Bentley

Notizia letta: 5090 volte
di BENTLEY SYSTEMS
Torna alla Lista News »
Eventi in Primo Piano
Dagli Ordini
Holcim prodotti in sacco
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter
Scarica L'APP di Ingenio