INGENIO » Elenco News » UNIVERSITÀ:quasi 900 i corsi ingegneristici attivi in ITALIA. Il POLIMI quello con il maggior numero
UNIVERSITÀ:quasi 900 i corsi ingegneristici attivi in ITALIA. Il POLIMI quello con il maggior numero
del 21/11/2016
Dal CENTRO STUDI CNI un report sull’offerta formativa su corsi di laurea ad indirizzo ingegneristico attivati nell’Anno accademico 2015/2016
Il Politecnico di Milano, quello di Torino e La Sapienza di Roma quelli con il maggior numero di corsi.
 
Ormai da qualche anno, gli studi ingegneristici risultano i più ambiti dai giovani nel panorama universitario italiano tanto da registrare la quota più rilevante di immatricolazioni: nell’anno accademico 2013/2014 costituivano il 14,6% limitandosi ai corsi di ingegneria “tipici”1 (gli immatricolati nei corsi del settore economico-statistico costituivano il 14,2%), ma il peso delle immatricolazioni nel campo dell’ingegneria sarebbe ancora più elevato se si annoverassero nel conteggio anche i quasi 9mila immatricolati delle classi di laurea “esterne”2 che forniscono tuttavia un titolo valido per l’accesso all’albo professionale degli ingegneri.
 
Gli atenei, di conseguenza, si adoperano per adeguare la propria offerta formativa al fine di soddisfare una così ampia richiesta: nell’anno accademico 2015/2016 sono stati attivati in Italia ben 873 corsi di laurea (di cui 369 di primo livello e 504 di secondo) ad indirizzo “ingegneristico”.
Si tratta di corsi che forniscono un titolo utile per sostenere l’esame di Stato per la professione di ingegnere ed ingegnere iunior, ma anche limitandosi ai corsi “tipici”3, l’offerta si rivela molto ampia: 293 corsi di primo livello e 460 di secondo.
 
 
I SETTORI. Limitatamente ai corsi di primo livello, i più numerosi risultano quelli della classe L-9 Ingegneria industriale con ben 130 corsi di laurea attivati sull’intero territorio nazionale, seguiti da quelli della classe L-8 Ingegneria dell’informazione con 103 corsi.
 
 
 
Per quanto concerne invece i corsi di secondo livello, la situazione è più articolata e i corsi si distribuiscono più equamente tra i diversi “settori” ingegneristici: ai 50 corsi della classe LM 33 Ingegneria meccanica, si affiancano i 49 della LM-23 Ingegneria civile e i 43 della LM-32 Ingegneria informatica.
 
 
 
Vanno comunque segnalati i 36 corsi della classe LM-18 Informatica che, pur non essendo una classe propriamente “ingegneristica” (quando esistevano le facoltà, questi corsi appartenevano alla facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali), consente di accedere all’Esame di abilitazione professionale e dunque all’Albo degli ingegneri.
Da evidenziare anche i 32 corsi di laurea magistrale a ciclo unico in Architettura e Ingegneria edile-architettura, organizzati come i corsi del vecchio ordinamento su cinque anni senza la tappa intermedia del titolo di primo livello.
 
GLI ATENEI. I corsi di laurea ingegneristici sono distribuiti in 64 atenei distribuiti su tutto il territorio nazionale. Lazio e Lombardia con oltre 100 corsi (tra primo e secondo livello) sono le regioni leader della formazione ingegneristica italiana per quanto concerne la disponibilità di corsi.
Circa un quinto dei corsi di laurea e laurea magistrale è concentrato in soli quattro atenei: il Politecnico di Milano che si conferma ancora una volta il principale centro formativo ingegneristico italiano con 24 corsi di primo livello e 30 di secondo, il Politecnico di Torino, l’Università la Sapienza di Roma (entrambi hanno attivato complessivamente 46 corsi) e l’Università di Bologna (41 corsi).
 
 
CURIOSITA’: IL NOME DEI CORSI.E’ vero che il riferimento ai fini “giuridici” e “istituzionali” è pur sempre quello della classe di laurea e di laurea magistrale, ma una “distorsione” che emerge da questa analisi è la ricerca continua da parte degli atenei di denominazioni dei corsi accattivanti per attrarre il maggior numero di studenti. Una prassi, questa, che non sempre produce benefici, ma che, al contrario, può generare nei ragazzi confusione e aspettative vane.
Nell’anno accademico in corso si contano infatti ben 106 denominazioni diverse dei corsi di primo livello, a fronte di sole 6 classi di laurea, mentre tra le 22 classi di laurea magistrale il numero di corsi con denominazioni diverse sale a 173.

 

1.Si tratta dei corsi delle classi L-7 Ingegneria civile e ambientale, L-8 Ingegneria dell'informazione, L-9 Ingegneria industriale e LM-4 C.U. Architettura e ingegneria edile-architettura 

Notizia letta: 2532 volte
di Redazione
Torna alla Lista News »
Eventi in Primo Piano
Dagli Ordini
MCE Expo Comfort
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter
Scarica L'APP di Ingenio