INGENIO » Elenco News » Condizionatori e climatizzazione: nuovo vademecum CNA Impianti
Condizionatori e climatizzazione: nuovo vademecum CNA Impianti
del 27/07/2017

Impianti di climatizzazione: per CNA Impianti per avere prestazioni energetiche migliori e un concreto risparmio in bolletta, il condizionatore dev'essere di classe energetica A o superiore. I consigli su posizionamento, corretta temperatura e manutenzione

Alta classe energetica e dotato tecnologia inverter con adeguamento automatico della temperatura rispetto all'acceso/spento: il condizionatore ideale fa risparmiare il 30% rispetto a modelli meno evoluti. Parola di CNA Impianti, che ha pubblicato il nuovo vademecum sui condizionatori e gli impianti di climatizzazione, precisando peraltro che in Italia il 40% delle famiglie e il 90% di uffici e negozi possiede almeno un impianto.

Secondo i tecnici dell’assocazione, un condizionatore di tipo “inverter” può aiutare una corretta acclimatazione un de-umidificatore che mantiene l’umidità al livello ottimale del 40/60%. E’ preferibile installare un condizionatore di dimensione e potenza medio-piccola in tutte le stanze abitate che pochi grandi impianti localizzati solo in alcuni punti, ritenuti a torto strategici, di appartamenti, uffici, negozi.

Posizionamento
Lontano da dove batte il sole e da fonti di calore, con orientamento a nord nord-est, libero da tende, divani o mobili che facciano da barriere. L'aria fredda non va indirizzata sugli spazi abitualmente occupati da persone e animali domestici.

La corretta temperatura
Quella consigliata è non oltre 8-10 gradi inferiore a quella esterna e comunque intorno ai 25-26 gradi. Durante l’utilizzo è consigliabile non alimentare le fonti di calore, limitando l’uso di altri elettrodomestici (anche per evitare picchi di consumo energetico che potrebbero mandare in tilt l’impianto), di lampade, di computer etc.

Manutenzione
Filtri ed erogatore vanno puliti almeno una volta all’anno in maniera da garantire aria salubre e ridurre i consumi energetici. Va, inoltre, controllata l’unità esterna, va rimossa la polvere accumulatasi su pale e batterie. E ci si deve ricordare che la legge impone di sanificare il gas refrigerante dei condensatori ogni due anni.

Notizia letta: 1873 volte
di Redazione Ingenio
News Collegate
Torna alla Lista News »
Eventi in Primo Piano
Dagli Ordini
STACEC
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter
Scarica L'APP di Ingenio