INGENIO » » BIM Manager con un Master di II livello: nuovi profili professionali per la gestione dell’intervento sul costruito
BIM Manager con un Master di II livello: nuovi profili professionali per la gestione dell’intervento sul costruito
13/04/2017
Nicola Tasselli
Stefano Settimo
Francesco Viroli

Oggi, nell’ambito della gestione del patrimonio edilizio, ci sono tematiche di particolare interesse che si stanno evolvendo rapidamente, relativamente all’ottimizzazione dei costi, alla riduzione dell’incidenza del fattore umano e nella gestione, rappresentando sempre più i fattori chiave nella pratica della gestione del patrimonio costruito. Queste tematiche, legate alla riduzione dei costi e all’incremento della propria competitività, delineano alcuni dei fattori di sviluppo principali legati alla diffusione degli strumenti di Building Information Modeling.

Il flusso di lavoro, cosi come strutturato attualmente, vede i progettisti impegnati per oltre la metà del proprio tempo in attività legate alla documentazione del progetto e del suo ciclo di vita, piuttosto che in attività realmente legate agli aspetti della progettazione.

Investire in strumenti avanzati che permettano di destinare maggiori risorse alle attività di progetto, fa sì che si venga a promuovere un naturale aumento della qualità progettuale permettendo al professionista di raggiungere agevolmente gli obiettivi prioritari nell’ambito della gestione dell’intervento sul costruito.
L’importanza di impiegare strumenti informatici parametrici di Building Information Modeling concorre inoltre all’incremento del fattore di industrializzazione della filiera del settore delle costruzioni e all’ottimizzazione dei processi di cantiere così come evidenziato dal Nuovo Codice degli Appalti.
 
Il programma del Master di II livello eBIM Existing Building Information Modeling per la formazione del BIM Manager dell’intervento sull’esistente è il primo master strutturato specificatamente per rispondere alle problematiche legate alla progettazione BIM based, declinata in tutti i suoi aspetti e a tutte le scale d’intervento: dalla gestione BIM dei dati di rilievo integrato, alla gestione della sicurezza strutturale, al rischio sismico e del comportamento energetico.
Il percorso della durata di un anno che l’Università degli studi di Ferrara offre, insieme alle Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia e Parma, è rivolto a laureati e professionisti che già operino o che intendano iniziare un percorso nell’ambito della gestione BIM, avvalendosi di un approccio integrato alla gestione dell’intervento sul costruito in ambito nazionale ed internazionale.
 
Grazie alla collaborazione con partner esperti quali in2it, Harpaceas, Graphisoft e il coinvolgimento di oltre trenta docenti con una solida esperienza professionale e di ricerca applicata nel campo dell’impiego degli strumenti BIM, il Master eBIM offre la possibilità di acquisire e consolidare competenze tecniche e manageriali attraverso lezioni frontali e attività seminariali ed oltre 400 ore di tirocinio.
Il percorso formativo, per agevolare le diverse necessità dei partecipanti, può essere fruito sia in presenza che a distanza.
La figura professionale del BIM manager può essere di interesse per tutte quelle tipologie di società coinvolte nella gestione del costruito, come: General Contractor, Imprese di Costruzione, Società di Ingegneria, Studi di Architettura e Ingegneria Strutturale e Impiantistica.
 
 
Per maggiori informazioni, iscrizioni e bando www.unife.it/master_ebimnews e aggiornamenti su Facebook fb.com/ebim.master/
 
Articolo letto: 1945 volte
Eventi in Primo Piano
Dagli Ordini
Isotex blocchi e solai in legno cemento
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter
Scarica L'APP di Ingenio