INGENIO » INGENIO n.51 » I LOD nella UNI 11337:2017
I LOD nella UNI 11337:2017
21/03/2017
Massimo Stefani

Il presente articolo vuole essere una naturale prosecuzione di quanto visto ne “Il BIM e il concetto di dettaglio e LOD” apparso su Ingenio maggio scorso
La novità principale che ci porta a parlare ancora di LOD è costituita dalla pubblicazione a fine gennaio 2017 delle UNI 11337:2017-4 dedicate a “Evoluzione e sviluppo informativo di modelli, elaborati e oggetti”.

Nella parte 4 viene infatti definito il concetto di LOD e delle informazioni grafiche (LOG) e di attributi (LOI) che devono contenere gli oggetti nella progettazione BIM oriented.

LOD UNI 11337: un esempio pratico
Per chiarire le caratteristiche dei LOD normati dalla 11337, analizziamo un esempio: i LOD applicati ad una finestra.



La prima caratteristica che appare evidente è la codifica a lettere (A, B, C… fino alla G).
A questo proposito possiamo sottolineare come la scelta di codificare i LOD con lettere (a differenza di numeri come in UK o USA), sia anche per evidenziare come i LOD della UNI esprimano delle novità rispetto a quanto presente in altri Paesi.
In particolare, i LOD presenti nella UNI esprimono:

Inoltre viene data la possibilità al committente di definire nel Capitolato Informativo (CI) eventuali classi intermedie di LOD identificate con numeri (ad es: LOD C.01, LOD C.02…).
Inoltre è importante chiarire come al LOD non corrisponda necessariamente una determinata fase del processo.
Ricordiamo come le fasi del “Processo informativo delle costruzioni” siano dettagliate nella Parte 1 delle UNI 11337 e indicato nel seguente schema:



Nello specifico possiamo dire che nei singoli LOD siano caratterizzati da:

L'ARTICOLO CONTINUA NEL PDF
 

Articolo letto: 3390 volte
Eventi in Primo Piano
Dagli Ordini
Edilmatic soluzioni antisismiche per la prefabbricazione
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter
Scarica L'APP di Ingenio